L’INAIL ha pubblicato l’Avviso per l’erogazione di incentivi a favore delle imprese che intendono realizzare progetti per il miglioramento dei livelli di salute e sicurezza sul lavoro, ai sensi del D.Lgs 81/2008 e successive modifiche e integrazioni.

Lo stanziamento ai fini del presente Avviso destinato alla Regione Sardegna è pari a € 10.147.709,00.

 

Soggetti destinatari

Sono soggetti destinatari le imprese ubicate in Italia, iscritte alla Camera di commercio e in possesso dei requisiti richiesti dal bando. In particolare possono presentare domanda di finanziamento:

  • tutte le tipologie imprese (per gli assi di finanziamento 1,2 e 3);
  • le imprese del settore della pesca e del settore tessile e confezione articoli in pelle (per l’asse di finanziamento 4);
  • le imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli (per l’asse di finanziamento 5).

 

Progetti finanziabili

Sono finanziabili sei tipologie di progetto ricomprese in 5 Assi di finanziamento, che a titolo esemplificativo e non esaustivo, si possono riassumere in:

 

  1. Asse di finanziamento 1

Asse 1.1: Progetti di investimento volti al miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori, attraverso interventi che comportino la riduzione dei rischi chimici e infortunistici (es. la realizzazione di interventi ambientali, la sostituzione di trattori agricoli e macchine, l’installazione di pannelli fonoassorbenti o silenziatori ecc.).

Asse 1.2: Progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale volti all’attuazione di sistemi di gestione della salute e della sicurezza sul lavoro (es. adempimenti dell’art. 30 del d.lgs. 81/2008, certificazioni SA 8000, rendicontazione sociale ecc.).

 

  1. Asse di finanziamento 2

Progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale di carichi (MMC) volti a migliorare le attività di sollevamento, abbassamento e trasporto di carichi e/o di pazienti (es. modifica di strutture murarie per ampliare gli spazi di manovra, acquisto di macchinari specifici come manipolatori o robot o sistemi di gru leggeri, sistemi automatici di alimentazione ecc.).

 

 

  1. Asse di finanziamento 3

Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto volti alla rimozione di prodotti in amianto presenti all’interno delle strutture di lavoro (es. rimozione di intonaci, di piastrelle, di pavimentazioni, di cassoni, canne fumarie o manufatti in genere costituiti da cemento amianto ecc.).

 

  1. Asse di finanziamento 4

Progetti per micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività volti a migliorare le condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori in maniera coerente con l’attività aziendale corrispondente al codice Ateco inserito nella domanda e riscontrabili dal documento di valutazione dei rischi (DVR). I settori di attività ammessi sono i seguenti:
Pesca (codice Ateco 2007 A03.1);

Tessile-Confezione-Articoli in pelle e calzature (codici Ateco 2007: C13, C14 e C15).

 

  1. Asse di finanziamento 5: sub Assi 5.1 e 5.2

Progetti per micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli inerenti all’adozione di soluzioni innovative per il miglioramento della sostenibilità dell’azienda o per l’abbattimento delle emissioni inquinanti (es. acquisto di un trattore agricolo o forestale alimentati a gasolio o elettrici), o volti alla diminuzione del rischio legato al rumore o a possibili infortuni (es. acquisto di macchine agricole con livelli minimi di rumorosità oppure automazione di una fase produttiva precedentemente svolta a mano).

 

Le imprese possono presentare una sola domanda di finanziamento e le spese ammissibili devono essere riferite a progetti non realizzati e non in corso di realizzazione alla data del 30 maggio 2019.

 

Ammontare del contributo

L’INAIL riconosce un contributo in conto capitale nella misura del 65% delle spese ammesse al netto dell’IVA secondo massimali diversi per ogni asse di finanziamento che vanno da un minimo di € 1.000 a un massimo di € 130.000 e che sono elencati in modo più dettagliato negli allegati di riferimento.

 

 

Modalità di presentazione delle domande

Le domande devono essere presentate in modalità telematica, secondo le seguenti fasi:

  1. Registrazione sul sito dell’INAIL: le imprese non ancora registrate sul portale devono procedere alla registrazione per ottenere le credenziali di accesso ai servizi;
  2. Compilazione della domanda: dal 11 aprile 2019 sino al 30 maggio 2019 sul sito inail.it – sezione “accedi ai servizi online” – si possono effettuare le simulazioni relative all’inserimento del progetto da presentare. Il progetto, caricato sulla piattaforma, dovrà essere salvato e inviato improrogabilmente entro le ore 18:00 del 30 maggio 2019.
  3. Scaricare il codice identificativo: a partire dal 6 giugno 2019 i soggetti che hanno inviato correttamente la domanda e hanno superato la soglia minima di ammissibilità dovranno effettuare il download del codice identificativo che dovrà essere custodito dall’impresa.
  4. Invio della domanda online: le imprese potranno inviare attraverso lo sportello informatico la domanda di ammissione al finanziamento utilizzando il codice identificativo attribuitogli (al termine di ogni singola registrazione l’utente visualizzerà un messaggio che attesta la corretta presa in carico dell’invio).
  5. Completamento della domanda: nel sito dell’Inail verrà pubblicato l’elenco provvisorio degli ammessi e le imprese che si collocheranno in posizione utile per il finanziamento dovranno inviare all’INAIL, tramite PEC ed entro 30 giorni dalla pubblicazione, il modulo di domanda (Modulo A) e la documentazione a suo completamento, pena l’esclusione.

 

 

Per ulteriori informazioni vi invitiamo a visitare il sito di riferimento del bando: https://www.inail.it/cs/internet/attivita/prevenzione-e-sicurezza/agevolazioni-e-finanziamenti/incentivi-alle-imprese/bando-isi-2018.html?id1=6443126616688#anchor.

 

 

image_pdfSalva in PDFimage_printStampa

Condividi su