Fondazione TIM, nell’ambito dell’area di intervento “Patrimonio Storico Artistico”, promuove il Bando “L’Arte che accoglie – Inclusione nei musei attraverso l’utilizzo di tecnologie innovative”.

Un ambiente è accessibile quando qualsiasi persona, anche con limitate capacità motorie, sensoriali o psico-cognitive, può accedervi e muoversi in sicurezza ed autonomia. Rendere un ambiente “accessibile” vuol dire, pertanto, renderlo sicuro, confortevole e fruibile per tutti i potenziali utilizzatori. Questo approccio è conosciuto come “Design for all” o “Universal Design”, ossia la progettazione di spazi, ambienti ed oggetti utilizzabili da un ampio numero di persone a prescindere dalla loro età e capacità psicofisica.

L’Italia è la Nazione con il maggior numero di musei, siti archeologici, opere d’arte al mondo, ma a questo non corrisponde una posizione altrettanto elevata in termini di accessibilità. Un vero “patrimonio culturale” è quello che riuscirà a garantire una competenza comunicativa molteplice; potrà essere definito accessibile quando darà la possibilità a tutti di effettuare un’esperienza di visita soddisfacente:

  • l’accessibilità deve garantire il massimo livello di fruizione indipendente;
  • il “Design for all” deve essere il metodo di lavoro;
  • l’abbattimento non deve riguardare solo le barriere architettoniche fisiche, ma anche e soprattutto, percettive e sensoriali.

 

Beneficiari

Il bando è destinato ai soggetti pubblici e privati che intendano realizzare un progetto finalizzato ad Individuare un modello tecnologico replicabile da diffondere nei musei al fine di garantire la fruibilità delle opere d’arte da parte di tutti i visitatori. Condizione essenziale è che il soggetto proponente non abbia finalità di lucro.

Categorie enti ammessi:

  • Fondazioni ed Associazioni riconosciute;
  • Musei nazionali e civici appartenenti al MIBACT; Fondazioni museali di diritto privato e pubblico;
  • Onlus iscritte all’anagrafe unica di cui al d.lgs. 460/97;
  • Organizzazioni di volontariato iscritte ai registri di cui alla L. 266/91;
  • Associazioni di Promozione Sociale iscritte ai registri di cui alla Legge 383/2000;
  • Cooperative Sociali;
  • Università;
  • Enti di ricerca.

 

Iniziative ammissibili

Fondazione TIM propone un bando mirato alla realizzazione di soluzioni basate su tecnologie innovative, accessibili, efficaci ed efficienti al fine di rendere fruibili a tutti le opere d’arte all’interno dei musei.

L’obiettivo è quello di individuare un modello tecnologico scalabile e replicabile da diffondere nei musei italiani per consentire un abbattimento significativo delle barriere percettive e sensoriali e psico-cognitive.

In particolare, Fondazione TIM indice un bando finalizzato a sostenere progetti tecnologicamente innovativi che utilizzino tecnologie innovative, quali, ad esempio:

  1. Algoritmi di intelligenza artificiale
  2. Tecnologie immersive
  3. Stampa 3D
  4. Vocal search/sistemi vocali
  5. Augmented and Virtual Reality
  6. Percorsi multisensoriali e tattili

che si rivolgano ai beneficiari finali, ovvero:

Persone sorde e cieche (parziali o totali), sordocieche, sordomute e pluriminorate psicosensoriali.

L’obiettivo del bando è trovare soluzioni per persone con una disabilità che comporta una serie limitazioni nella capacità di comunicare, nell’autonomia personale e nell’apprendimento, oltre a gravi difficoltà anche nella percezione dell’ambiente circostante e nelle relazioni interpersonali.

Le proposte inviate a FTIM dovranno contenere un’adeguata rappresentazione della struttura complessiva del progetto.

 

Contributi

Il fondo erogativo totale stanziato da Fondazione TIM per il bando è pari a trecentomila euro. In caso di esito positivo della selezione Fondazione TIM accorderà un contributo economico per un importo massimo di € 300.000, corrispondente a non oltre l’80% del costo complessivo del progetto.

Il cofinanziamento richiesto obbligatoriamente è pari ad almeno il 20% del costo complessivo del progetto e potrà essere reso disponibile dallo stesso ente richiedente o da altri soggetti finanziatori.

 

Procedure e termini

Le proposte di progetto, corredate di tutta la documentazione richiesta, devono essere compilate e inviate esclusivamente online, entro la data di scadenza, e non oltre le ore 13:00 del 3 settembre 2019 attraverso il portale: www.fondazionetim.it messo a disposizione dalla Fondazione. Invitiamo fin da ora tutti i soggetti che intendono partecipare al bando a procedere quanto prima alla registrazione sul sito www.fondazionetim.it. I documenti richiesti durante la registrazione devono essere compilati in ogni parte e devono essere leggibili.

 

Riferimenti normativi

Bando “L’Arte che accoglie – Inclusione nei musei attraverso l’utilizzo di tecnologie innovative”

image_pdfSalva in PDFimage_printStampa

Condividi su